Si intitola Migrations il debutto dei Mojis ma nel titolo così come nelle canzoni non ci sono riferimenti all’attualità odierna dei media, fatta di confini Brexit e movimenti migratori più o meno volontari verso l’Europa. Le migrazioni a cui allude la band anglo-campana sono invece quelle che hanno caratterizzato la vita artistica del cantante, dagli inizi metal ai tempi dell’università in Galles, passando per il folk-jazz del progetto omonimo (Marco Spiezia, con l’album Life in Flip-Flops) sviluppato tra la Cornovaglia e l’Italia, fino a giungere all’odierno guitar oriented rock. Dedicato a E.F. Schumacher (importante economista e scrittore di Small Is Beautiful a cui si inspira una delle canzoni), Migrations racchiude in sé tematiche di diverse tipologie senza snaturare il rock di cui è figlio.

Tuttavia, definire la musica dei Mojis attraverso una sola categoria può rivelarsi impresa ardua. Ogni componente ha le sue personali influenze artistiche e tutto ciò è stato fatto confluire nelle loro canzoni. Si passa dalla batteria in stile rock e funk classica di Ivan Esposito, ispirata da gruppi come i Red Hot Chilli Peppers o i Negrita (Find the People), al basso di Stefano Romano, che colora le composizioni con la leggerezza di giri inusuali per il rock (Lady Death) ispirati a gruppi che spaziano tra Fat Larry’s Band, Jamiroquai, Muse e George Benson. E se la chitarra di Marco Spiezia ammicca a suoni che vanno dai Fu Manchu a Berri Txarrak passando per i Biffy Clyro (Dog’s Teeth), quella di Francesco Romano è dichiaratamente più incline verso il blues-jazz di Larry Carlton, Bill Frisell o Pat Metheny (Broken Chord).

“La Musica deve rappresentare ciò che siamo. Migrations rappresenta tutti noi e ciò che ci piace ascoltare”, affermano i ragazzi.

Registrato negli studi de I Make Recording (Nocera Inferiore, SA), Migrations si compone di 9 canzoni per un totale di circa 37 minuti. Il suono non cerca di stare al passo con i trend del momento né si costringe nei limiti angusti di uno stile ben delineato. Qualcuno potrebbe definirlo dispersivo o poco a fuoco. Migrations invece rappresenta una prova eclettica e coraggiosa che ben sintetizza l’idea che i Mojis hanno del fare musica.

Mojis_Migrations (FILEminimizer)

 

Nati a Sorrento (NA) nel 2013, Mojis è il nome del progetto di cui fanno parte Marco Spiezia (voce, chitarra), Ivan Esposito (batteria), Francesco Romano (chitarra) e Stefano Romano (basso).

Dopo anni passati in giro per i locali della Penisola Sorrentina, la band si chiude per quasi tutto il 2016 nello studio I Make Recording di Nocera Inferiore (SA) per registrare il loro debutto, Migrations.


Link

https://www.facebook.com/themojis

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...