I Klimt 1918 nascono nel 1999 dall’idea dei fratelli Marco e Paolo Soellner.
Nel 2000 viene pubblicato Secession Makes Post-Modern Music . Il demo riceve ottime recensioni e cattura le attenzioni della My Kingdom Music, una nuova etichetta indipendente italiana, con cui il gruppo firma un contratto per due album.
Il primo full-lenght Undressed Momento, esce nel 2003. Il disco rappresenta un’evoluzione nel sound, più melodico e emozionale, riceve ottimi
responsi dalla stampa di tutta Europa e raggiunge la prima posizione della Orkus Top Chart.
Nel 2005 viene pubblicato Dopoguerra, per l’etichetta tedesca di culto Prophecy Productions. Il seguito di Dopoguerra, Just in Cause We’ll Never Meet Again (Soundtrack for the Cassette Generation), è stato pubblicato il 20 giugno 2008 in Germania e il 23 e 24 giugno nel resto del mondo e negli USA.
Tra marzo e aprile 2009 la band rilascia il video di Ghost of a Tape Listener, il loro primo video ufficiale. Contemporaneamente rilasciano anche la versione in vinile del terzo album e un EP di 3 pezzi di cui uno inedito intitolato “Blackeberg 1981”.
Dopo otto anni i Klimt 1918 tornano con il loro ultimo progetto, Sentimentale Jugend, in uscita il 2 dicembre in tutto il mondo.
Sentimentale Jugend, per gli intenditori della scena underground, è un titolo già di per sé evocativo: richiamando l’omonimo progetto sperimentale di Alexander Hacke (Einstürzende Neubauten) e Christiane Flescherinow, meglio conosciuta come Christiane F. (dal libro bestseller, “Noi ragazzi dello zoo di Berlino”), i Klimt 1918 presentano il loro ultimo lavoro. Un album maturo, che segue, a otto anni di distanza “Just In Case We’ll Never Meet Again”, portando alla luce una Berlino ormai lontana, immortalandone pulsazioni, battiti e quella gloria puramente nichilistica tipica degli anni 70 e tanto cara anche al Bowie di “Low”, “Heroes” e “Lodger”. “Sentimentale Jugend” è composto da venti brani, suddivisi in due album distinti: Sentimentale (9 brani, 54 minuti) e Jugend (10 brani, 53 minuti).
Il risultato è eccelso; un lavoro consapevole, che non dimentica la vena dream pop del gruppo, ma la reinventa sotto nuove forme e con nuove sonorità provenienti dal pop degli anni 50 e 60. Nell’approccio strumentistico, infatti, risalta l’uso di riverberi delle chitarre, del tremolo, degli strumenti a fiato, three beats drum style-Kick-Kick-Kick Snare. L’album contiene una serie di influenze quali: The Chameleons, Glasvegas, A Place to Bury Strangers, iLikeTrains, Cocteau Twins, The Ronettes, U2, Chapterhouse, The RaveonettesThe Drifters, Cocteau Twins, Jesus and Mary Chain, The Everly Brothers, The Platters, Sigur Ros, Radio Dept, Dead Can Dance.
Comandante è il primo singolo estratto da Sentimentale Jugend, l’ultimo album pubblicato lo scorso 2 dicembre per Prophecy Productions. La regia è stata affidata a Cosimo Alemà.
Il video di Comandante nelle parole di Marco Soellner, voce chitarra e autore dei testi e delle musiche dei Klimt 1918:
Nulla è stato facile durante la lunga gestazione di Sentimentale Jugend. Nemmeno la scelta dell’immagine di copertina. Ci eravamo innamorati dei dipinti iperrealisti di Dan Witz, uno street artist statunitense fortemente legato alla scena hard core newyorkese. Corpi ritratti in slam dancing furiose. Una versione post moderna de La Salita al Calvario di Bosch con quei visi distorti dalla fatica, i corpi contorti e sensuali dei protagonisti. 
Abbiamo rincorso Dan Witz per mesi, inviandogli e-mail, allertando amici in grado di poterlo intercettare, magari a Brooklyn, dove vive e lavora. Ma è stato tutto inutile. Non ci ha mai risposto. Ci siamo indirizzati altrove, scegliendo le bellissime fotografie di Alessio Albi. Una suggestione completamente diversa, volutamente diversa. Un’altra storia da raccontare, forse più confacente all’album. Più in linea con le sue atmosfere. 
Abbiamo girato il 9 dicembre 2016 in una famosa discoteca romana, in compagnia di una trentina di amici e conoscenti, immersi nella luce accecante e rovente di quattro giganteschi spot cinematografici.
Per rendere l’atmosfera ancora più incandescente Cosimo ha scelto gli Slayer. South of heaven, se suonato a volumi esagerati riesce a tirare fuori il peggio dalle persone, anche da quelle più insospettabili. È stata un’armonizzazione di corpi e di animi. La slam dancing, un volta innescata, ha prodotto un’energia incredibile. E noi in mezzo, assorbiti dalla calca, come i personaggi de La Salita al Calvario, siamo rimasti in balia di quella forza, nell’aria satura di sudore e fumo. E’ stata un’esperienza selvaggia e catartica. La gente urlava, cadeva, si contundeva ferocemente lasciandosi segni sulla pelle. E più eravamo tutti doloranti e stanchi, più Cosimo era soddisfatto. 
Quando abbiamo assistito alla proiezione del video ultimato, Cosimo ci ha fatto notare che Comandante trasudava erotismo da ogni sequenza. Come se le nostre espressioni stremate fossero trasfigurate in un’estasi generale. Come a voler significare ancora una volta che sofferenza e passione sono mondi che collimano e che questi mondi rappresentano la dimensione del nostro lavoro. 

FORMAZIONE

Marco Soellner – voce, chitarra
Francesco Conte – chitarra
Davide Pesola – basso
Paolo Soellner – batteria

DISCOGRAFIA

2003 – Undressed Momento
2005 – Dopoguerra
2008 – Just in Case We’ll Never Meet Again (Soundtrack for the Cassette Generation)
2016 – Sentimentale Jugend


LINK

https://www.facebook.com/Klimt1918
http://klimt1918.tumblr.com
https://www.facebook.com/prophecyproductions
http://en.prophecy.de

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...